Mentoring

Il mentoring è alla base del sistema dei partner di RINGANA.

E ha un’importanza tale che nel 2020 è diventato il motto dell’anno. Ma che cosa si intende esattamente per mentoring, che abilità sono richieste per essere un bravo mentore, quali sono i suoi compiti e come funziona il mentoring in RINGANA?

 

Che cosa si intende per mentoring?

Per mentoring classico si intende sempre il rapporto tra un mentore con esperienza e il suo mentee. Il mentore trasmette le proprie esperienze e conoscenze al mentee e lo accompagna nel suo percorso professionale o privato. Ci sono tante e diverse forme e modalità di mentoring. Il mentoring è un trasferimento di conoscenze, ossia il mentore fornisce al proprio mentee tutto il know-how necessario e risponde a eventuali domande, sia all’inizio sia durante tutto il percorso che viene intrapreso insieme.

 

Mentoring è…

  • …personale – il mentore e il mentee sono costantemente in diretto contatto e hanno un dialogo aperto.
  • …individuale – il mentee è al centro dell’attenzione e la sua evoluzione personale viene sostenuta a seconda della personalità, della situazione attuale e/o delle sfide che si presentano.
  • …orientamento al successo – l’obiettivo comune del mentore e del mentee è la crescita del mentee e il suo percorso verso il successo.

Chi può essere mentore?

In generale tutti possono diventare mentori, soprattutto in RINGANA, dove il successo personale dipende fondamentalmente dal successo dell’intero team. La qualità fondamentale che un mentore deve avere è l’apertura mentale.

 

Come si diventa bravi mentori?

In linea di principio non si può dire che esistano cattivi mentori. Quando si è disponibili e aperti a condividere le proprie esperienze con gli altri, non si possono commettere errori. Ci sono, tuttavia, alcune caratteristiche e capacità che sono molto utili per il mentoring:

  • Empatia: sapersi mettere nei panni del mentee aiuta a individuare delle soluzioni adatte. Chi comprende e avverte come sta il mentee, sa anche come aiutarlo.
  • Capacità di ascolto: non è sufficiente sapere trasferire informazioni come se si trattasse di una lezione. Un mentee può apprendere tanto già studiando in autonomia da solo. Grazie all’ascolto il mentore può dare una mano laddove ci siano necessità particolari.
  • Onestà: per essere onesti serve coraggio, ma il sapere parlare dei propri errori ed insuccessi e il sapere dare feedback onesti al mentee sono aspetti preziosissimi del rapporto tra mentore e mentee.

 

Con questi valori si instaura idealmente un rapporto basato sulla fiducia reciproca in cui il mentee sa che il mentore tiene alla sua crescita personale. Con la fiducia nasce un’atmosfera in cui è possibile affrontare domande e problemi in maniera aperta.

 

Vantaggi per tutti

Il mentoring porta vantaggi per tutte le parti coinvolte: il mentore è costantemente aggiornato seguendo i partner del suo team e trae inoltre vantaggio dalle esperienze maturate e dalle conoscenze del mentee. Viceversa il mentee riesce ad affermarsi velocemente nel sistema dei partner grazie al sostegno del mentore e viene incentivato individualmente grazie alle conoscenze e alle esperienze del mentore. Ma attenzione: bisogna anche mettere un po’ alla prova il mentee. Il compito del mentore non è servire tutto su un piatto d’argento. Rientra tra le responsabilità del mentee ricercarsi autonomamente le informazioni. Consiglio importante: non fare nulla per un tuo nuovo partner che non potrebbe fare da solo ? è importante che il nuovo partner prenda l’iniziativa e si assuma le proprie responsabilità!

È essenziale che ci sia sempre franchezza da entrambe le parti. Se si è schietti si è anche più credibili nei confronti dei clienti e dei partner nel team. L’obiettivo non è diventare una copia perfetta del mentore, bensì fare del proprio meglio con l’aiuto del mentore.

 

Mentoring in RINGANA

Il mentoring in RINGANA ha tante sfaccettature e garantisce quindi un valore aggiunto maggiore per i partner RINGANA rispetto al classico avanzamento di carriera. Così come la freschezza è una caratteristica intrinseca dei prodotti di RINGANA, così il successo è automaticamente associato al mentoring  in RINGANA. Mentore e mentee iniziano un viaggio avvincente insieme nel momento in cui viene sottoscritta la partnership application e gli obiettivi diventano il successo comune e la crescita personale. Ogni partner RINGANA ha, sin dal primo giorno, un mentore al proprio fianco che gli consentirà di avviare il proprio business con RINGANA in maniera agevole e che gli consentirà di mettersi all’opera grazie a una serie di consigli e raccomandazioni utili. Come nuovo partner firmando la partnership application si decide di collaborare con una persona specifica. Una persona che mostrerà al nuovo partner come muovere i primi passi. E soprattutto nel primo periodo come partner è buona norma rimanere regolarmente in contatto con il proprio mentore. Lasciarsi ispirare da un mentore e da un dirigente di successo e la condivisione della propria esperienza determinano in ogni caso una crescita personale. Lo stesso dicasi anche per l’attività di guida di un team.

In RINGANA il motto so we è la nostra quotidianità: il che significa che il mentoring si spinge ben oltre i confini dei team. Il mentoring in RINGANA va quindi di pari passo anche con il networking: in modo tale che lo scambio di esperienze e conoscenze si spinga oltre i confini nazionali e dei team.

 

E così…

il mentoring è esattamente al passo coi tempi e con il concetto del “New Work” che pone di nuovo al centro la persona con le sue capacità, necessità ed esperienze personali. Il team e la condivisione diventano essenziali: la collaborazione e la cooperazione sovrastano la voglia di farsi concorrenza o di pensare solo al proprio tornaconto. So we: l’unione fa la forza!

vai al sommario
vai al sommario

Nach Oben

Iscrizione alla newsletter

Con la registrazione accetto le Condizioni commerciali generali, la dichiarazione sulla privacy nonché le disposizioni per i cookies e la pubblicità su internet.

Annulla la newsletter